Amazon

Vita da mamme: Scusate, ci sono anch'io

Se siete al termine della gravidanza e vi siete abituate alle mille attenzioni che tutti vi porgono: "Lascia stare faccio io, tu riposati", "Aspetta, te lo porto io, tu non ti affaticare", "Tieni, ti ho preparato la crostata di Nutella che ti piace tanto", ecc .... Preparatevi, perché ben presto dovrete rassegnarvi a farne a meno. Nel momento stesso in cui il vostro frugoletto emetterà il suo primo vagito, voi non esisterete più. Sarete semplicemente tappezzeria, carta da parati, completamente invisibile. Esisterà solo lui: il vostro bebè.
Amici e parenti, quelli che prima vi riempivano di attenzioni, non esiteranno neppure a sbattervi la porta in faccia (a me è capitato), ma non per cattiveria, semplicemente perché tutte le loro attenzioni saranno talmente focalizzate sul piccolino che nemmeno vi noteranno. Se anche vi presentaste a casa degli suoceri con un sacco dell'immondizia addosso nemmeno se ne accorgerebbero.
Del resto come non notare una mula che impiega tre ore per scaricare dall'auto tutte le valige, valigette, borse, borsette colme e stracolme di vestiti di ricambio di ogni peso e dimensione (non si sa mai che in agosto nevichi, o che a Natale facciano 40°), non manca nulla, dalla maglietta sbracciata alla coperta imbottita. E poi, pappe, pappette, biberon, succhi di frutta, pannolini, lozioni, cremine, cremette, scarpe (perché almeno una scarpe è d'obbligo perderla), passeggino, fasciatoio, culla, asciugamani, bavaglini e ancora la pastina per i denti, e per finire i giocattoli, tanti giocattoli. Perché noi mamme siamo così, previdenti fino all'esasperazione, se non abbiamo la casa dietro, anche solo per uscire di casa solo un'ora, non siamo tranquille. 
Nonostante questo però, non appena suoniamo il campanello a casa di amici e parenti, questi escono come una mandria di bufali, ci strappano dalle mani il nostro pargoletto e se ne tornano in casa chiudendoci pure il cancello in faccia. E non servirà neppure suonare nuovamente il campanello, perché saranno tutti presi dai gorgheggi gioiosi del vostro pargoletto.
Questo ovviamente vale anche per il papà. Entrambi vi ritroverete fuori dal cancello a guardarvi negli occhi rassegnati, ma non temete, non appena il bebè emetterà un accenno di pianto, subito si ricorderanno di voi e ve lo restituiranno alla velocità della luce.
Concludo questo breve estratto di vita facendo un appello agli amici e parenti di mamme con bebè: Ricordatevi che il bellissimo e tenero frugoletto che tenete fra le mani ha una mamma ed un papà che ora sono fuori dalla porta, insieme a tutto il necessaire che sta ingombrando il pianerottolo, in attesa che qualcuno si ricordi di farli entrare. :-D

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...